Circ 140 Divieto di utilizzo dei cellulari a scuola

      Circolare n. 140               Firenze, 12 Gennaio 2018

 

                                               Al personale Docente

                                               ATA

                                               Ai genitori

                                               Agli alunni

 

 

 

 

Oggetto: Divieto di utilizzo dei cellulari a scuola

 

Si ricorda al personale docente ed ATA, ai genitori degli alunni e agli alunni stessi che, come prevede la Direttiva MIUR n°104 del 15 marzo 2007, l’uso del cellulare a scuola è vietato.

La stessa precisa, altresì, che l’uso del cellulare durante la lezione rappresenta un elemento di distrazione sia per chi lo usa, sia per i compagni, oltre che una grave mancanza di rispetto verso l’insegnante configurando una condotta sanzionabile.

 

Va precisato che, l’uso improprio dello stesso, per riprese o foto non autorizzate dai diretti interessati e la loro eventuale pubblicazione, costituisce violazione del diritto alla riservatezza delle persone riprese, perseguibile penalmente (Codice Privacy D.lgs. 196/2003).

 

In ogni caso, qualora i genitori ritengano indispensabile dotare il proprio figlio di un cellulare per mantenersi in contatto con lui al di fuori dell’orario delle lezioni (e dell’edificio scolastico), il telefono nell’ambiente scolastico va tenuto spento e consegnato ai docenti.

 

Secondo quanto dispone il Regolamento di Istituto,gli alunni che utilizzano il cellulare verranno sanzionati con sospensione dalle lezioni in casi di particolare gravità.

 

Si invitano i docenti, nonché i collaboratori scolastici a vigilare con la massima attenzione e ad intervenire tempestivamente in caso di inosservanza di tali disposizioni.

Si ricorda inoltre che il divieto di utilizzare i telefonini durante lo svolgimento dell’attività, opera anche nei confronti del personale scolastico. Sono esonerati dal divieto i docenti collaboratori della DS e i Responsabili di plesso per motivi logistici e organizzativi.

 

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO                                                                                       

 

 Maria Domenica Torrombacco